Travis & Fripp, Roma, 14 novembre 2010

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Travis & Fripp, Roma, 14 novembre 2010

Messaggio  Nigel il Lun Nov 15, 2010 12:50 pm

Splendido concerto, ieri sera, della coppia Travis/Fripp alla chiesa evangelica metodista di Roma.
Le mie aspettative per la serata erano piuttosto alte, perchè il live at Coventry Cathedral mi aveva convinto appieno, sviluppando ciò che l'album Thread, a mio avviso, lasciava solo intravedere in termini di affiatamento e potenzialità.
Il concerto è iniziato all'insegna della tipica eccentricità frippiana, con quattro addetti dello staff che hanno recitato, in quattro lingue, un comunicato in cui veniva chiesto di non riprendere, registrare, fare foto, ecc., al termine del quale i quattro hanno anche eseguito una sorta di coretto a cappella, da cui emergevano scampoli di frase tipo "no photos... no cameras..." ecc. ecc. Poi sono entrati Travis e Fripp, che hanno ricevuto l'applauso del pubblico girati di spalle Exclamation, dopodichè è iniziata la performance.
All'inizio, onestamente, ho fatto un po' di fatica ad entrare in sintonia con la musica, forse perchè la mia attenzione è stata attratta principalmente dal lavoro di Fripp con le pedaliere e i molteplici comandi della sua mostruosa apparecchiatura (che lui chiama scherzosamente "modulo lunare"), e forse anche perchè non ho riconosciuto nessuno dei brani presenti nelle registrazioni ufficiali della coppia.
La mia serata ha iniziato a decollare dal quarto brano, quando le magiche note di Moonchild hanno riempito la sala: un'esecuzione magnifica, più lunga di quella di Coventry, con un'improvvisazione di Fripp tesa e tagliente, molto diversa da quella del live ufficiale, seguita da un'altrettanto convincente improvvisazione di Travis e dalla ripresa del tema iniziale. Alla magia di Moonchild è seguita la magia di Blue Calm, bellissima improvvisazione di Travis al sax con accompagnamento ad accordi di Fripp, senza l'ausilio di sounsacapes.
Da qui in poi si sono succeduti altri brani inediti, tutti di altissimo livello (alla fine, gli unici pezzi già sentiti su disco saranno proprio Moonchild e
Blue Calm), in cui la sinergia dei due è stata assolutamente perfetta; Fripp, in particolare, non ha lesinato gli interventi alla chitarra solista, alternando il registro riflessivo a quello tagliente. Sono stato letteralmente travolto dalla musica, tanto che ho smesso addirittura di guardare i musicisti, completamente trasportato dalle emozioni del flusso sonoro (un paio di volte, riscuotendomi dalla trance in cui ero sprofondato, mi sono reso conto di avere un'espressione inebetita sul volto). Very Happy
Ma la sorpresa più grande è arrivata nella seconda metà del concerto: su un soundscape impostato da Fripp e sostenuto da Travis, Fripp ha eseguito, con il suono saturo presente sull'album Red, le magiche note di Starless. Lì per lì sono rimasto incredulo: "avrò sentito bene?", mi son detto... sì, perchè poi l'improvvisazione si è allontanata dal mitico tema... per farvi, però, ritorno, inequivocabilmente, alla fine, quando Fripp ha chiuso il pezzo citando nuovamente le note immortali (alla fine ho anche sbirciato la scaletta che Fripp si era appuntato a penna, e al brano numero 8 c'era effettivamente scitto "Starless").
Beh, ragazzi, questa è stata un'emozione nell'emozione - totalmente inaspettata, peraltro - che mi ha fatto uscire dalla chiesa con la pelle d'oca (non solo in senso metaforico: ce l'avevo veramente!).
Insomma, grandissimo concerto, molto intenso, come d'altronde l'album live aveva lasciato sperare.
Tra l'altro, il fatto che Fripp stia riprendendo confidenza con un repertorio che sembrava messo da parte definitivamente, unito al fatto che stia
collaborando con gente che frequenta o ha frequentato quel repertorio (Mel Collins e Jakko Jakszyk), mi fa porre delle piacevoli domande: vuoi vedere che la collaborazione Jakko, Fripp & Collins si trasforma veramente nella nuova incarnazione del Re? (d'altra parte, Collins si è fatto scappare una dichiarazione in tal senso... e poi anche Tony Levin e Gavin Harrison sono coinvolti nel progetto)... e se così fosse, è così assurdo pensare che quell'eventuale incarnazione - che sarebbe lontana
dalla line-up di Discipline - suoni dal vivo anche brani come Starless e Moonchild? Question
avatar
Nigel

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 30.05.08
Età : 44
Località : Roma (originario di Parma)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Travis & Fripp, Roma, 14 novembre 2010

Messaggio  mrsalzano il Mar Nov 16, 2010 6:49 pm

Ma Magara! cheers
avatar
mrsalzano

Messaggi : 138
Data d'iscrizione : 11.10.08
Età : 43
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente http://www.youtube.com/user/mrsalzano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Travis & Fripp, Roma, 14 novembre 2010

Messaggio  Starless il Ven Nov 19, 2010 2:00 am

molto interessante questo concerto da come lo descrivi e ottimi gli sviluppi possibili che potrebbero tramutarsi in King crimson.
Speriamo ragazzi perchè inizio a non credere più a nuove cose a firma KC, sarebbe l'ora di tornare!!

_________________
.......synchronized in sharp focus, tuned with space and time........
avatar
Starless
Admin

Messaggi : 609
Data d'iscrizione : 12.02.08

Vedi il profilo dell'utente http://kingcrimson.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Travis & Fripp, Roma, 14 novembre 2010

Messaggio  Wind on Water il Sab Dic 04, 2010 1:44 pm

La a Roma c'ero anch'io... !!!!

Mammamiachebbellezza !!!!
Splendido !
avatar
Wind on Water

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 07.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Travis & Fripp, Roma, 14 novembre 2010

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum