King Crimson - Teatro Verdi, Firenze, 8 novembre 2016

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

King Crimson - Teatro Verdi, Firenze, 8 novembre 2016

Messaggio  Nigel il Mer Nov 09, 2016 8:23 pm

Ieri sera, dopo ben 21 anni dalla prima volta, e dopo aver a lungo disperato di riuscirci, ho finalmente avuto l’immenso piacere di vedere nuovamente i King Crimson in concerto.
Teatro Verdi stipato in ogni ordine di posto, con un pubblico in prevalenza non giovanissimo, in mezzo al quale spiccavano però anche parecchi giovani.
Io e mia moglie abbiamo preso posto in prima fila, di fronte ad un grande cartello, poi rimosso, in cui venivano elencati i vari divieti assoluti imposti da Fripp: fare foto e filmati, usare il cellulare e altri apparecchi elettronici, pena la cacciata dalla sala. Poco dopo, i medesimi divieti sono stati ribaditi da una voce registrata, due volte in italiano e una volta in inglese, casomai non fosse ben chiaro. L’unica concessione è stata quella di poter fotografare la band alla fine del concerto, al momento dei saluti.
I Crimson si sono presentati sul palco con circa un quarto d’ora di ritardo, il che un po’ mi ha stupito vista la precisione maniacale di Fripp.
Il primo brano, Hell Hounds of Krim, mi ha fatto subito capire una cosa: l’impatto live delle tre batterie è tutt’altra cosa rispetto alle registrazioni che avevo ascoltato fino a quel momento. Forse sarà dipeso anche dalla vicinanza al palco, ma l’effetto è stato dirompente, addirittura fisico, con le onde sonore che mi investivano facendo tremare la sedia.
Neanche il tempo di rifiatare ed è partita una deflagrante Pictures of a City, con gli strumenti ad un volume altissimo e le batterie scatenate. Esecuzione fantastica, che mi ha lasciato senza fiato e con il dubbio di riuscire a reggere un intero concerto in quelle condizioni.
Ma non c’è stata solo potenza ieri sera, perché questo gruppo sa dosare le dinamiche con grande maestria a seconda del brano e del momento, cosa che è avvenuta alla perfezione nelle successive Cirkus e The Letters, preludio ad una tempestosa e trascinante versione di Sailor’s Tale, uno dei momenti topici della serata.
Mi ha fatto piacere l’inserimento nella setlist di Fracture, anche se devo dire che questo rimane per me l’unico punto interrogativo della serata, nel senso che l’esecuzione non mi ha convinto del tutto. Ho avuto l’impressione che la seconda chitarra e gli interventi di Collins snaturino un po’ il brano, togliendogli quella linearità che lo caratterizza, ma voglio riascoltarlo per farmi un’idea più precisa.
Altro momento clou, per me, è stata Easy Money, con Fripp che ha sfoderato uno degli assoli più belli fra quelli da me ascoltati su questo brano (e sono tanti).
In generale, penso che diversi pezzi beneficino in modo decisivo delle tre batterie e dei fiati di Collins: a mio parere, almeno Larks’ II, Red e Level Five non sono mai state così intense e potenti.
Molto particolare la nuova versione di Indiscipline, in cui le batterie si affrontano in un vero e proprio duello senza esclusione di colpi, con la curiosità che Jakszyk “canta” la parte vocale invece di recitarla come faceva Belew.
Cos’altro rimane da dire? Tantissimo, ed ogni brano meriterebbe un commento a parte: Epitaph, The Court of the Crimson King, Schizoid Man, Starless... tutti brani che speravo di ascoltare da una vita e che hanno soddisfatto appieno le mie aspettative, tutti resi in versioni che non mi hanno fatto rimpiangere gli originali di studio, anzi.
Voglio solo aggiungere che durante l’esecuzione di Starless, con il palco inondato di luce rosso cremisi e il pubblico ammutolito, ho pensato che fosse davvero un privilegio trovarmi lì in quel preciso momento ad assistere ad una performance artistica di tale livello.
Lunga vita al Re Cremisi.
avatar
Nigel

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 30.05.08
Età : 44
Località : Roma (originario di Parma)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: King Crimson - Teatro Verdi, Firenze, 8 novembre 2016

Messaggio  Nigel il Gio Nov 10, 2016 1:35 pm

Aggiungo qualche altra impressione sul concerto dell’altra sera.
Fantastico l’impatto delle tre batterie in prima fila, non solo dal punto di vista sonoro ma anche da quello visivo: il movimento continuo dei tre è l’elemento dinamico e magmatico dello show, che in alcuni momenti diventa addirittura coreografico, come ad esempio su Level Five, quando alzano in sincrono la bacchetta sugli stop del brano.
Sulla qualità tecnica delle esecuzioni non mi pronuncio perché non ho la competenza per farlo, ma l’impressione è che tutti abbiano suonato alla grande. Dietro di me erano seduti dei musicisti (gente che, a quanto ho capito, lo fa di professione) che a più riprese hanno espresso ammirazione, stupore e anche timore reverenziale per ciò che avveniva sul palco.
Tornando ai brani in scaletta, è stato un piacere ascoltare qualcosa da Lizard, disco che adoro e che viene spesso sottovalutato dai fan e dallo stesso Fripp. Mi pare che questo album, dopo l’uscita dei nuovi mix di Wilson, stia finalmente conquistando quella centralità che merita all’interno dell’opus crimsoniano.
Anche i nuovi brani non hanno sfigurato accanto ai lavori del passato: A Scarcity of Miracles, per cui ho una particolare predilezione, è stata resa in una versione intensa e convincente, con ottimi interventi solisti di Fripp e Collins, ma anche Meltdown e le due parti di Radical Action, che pure non mi fanno impazzire, si sono comunque inserite bene nel continuum del concerto, senza creare cali di tensione nella setlist.
Due parole, infine, su Schizoid Man. Ero convinto che non mi avrebbe fatto un grandissimo effetto, perché troppe volte l’avevo ascoltata in passato e troppo alta era l’aspettativa di sentirla finalmente dal vivo. Di solito i brani così iconici, tipo Satisfaction degli Stones per intenderci, sono quelli che mi scivolano di più addosso nei concerti. Certo, mi faceva piacere ascoltarla, anzi era assolutamente fondamentale, ma pensavo che sarebbe stata solo la ciliegina sulla torta di un ottimo concerto. E invece mi sbagliavo. Quando è partito il riff iniziale, con tutta la sua potenza deflagrante, sono stato investito dalla stessa scarica elettrica che mi colse a sedici anni quando misi sul piatto per la prima volta il disco con il faccione urlante; e poi sono stato trascinato dalle montagne russe emotive che solo questo pezzo sa produrre. Non c’è niente da fare, questo è un brano costantemente proiettato nel futuro, la cui carica innovativa non si esaurisce mai, anno dopo anno e ascolto dopo ascolto. Inimitabile e ineguagliato nella storia della musica. Grandissimo assolo di Fripp, tra l’altro, seguito da uno splendido Collins. Unico piccolo appunto sul drum solo si Harrison, a mio avviso un po’ troppo lungo, che va a spezzare la continuità del brano. Avrei preferito non ci fosse, ma per carità, va benissimo così.
Una cosa che invece mi stupisce sempre è quanto poco questo gruppo, che io considero più grande e importante dei Beatles nella storia della musica, sia conosciuto anche da gente che non è del tutto ignorante in questioni musicali. Un amico da cui sono stato ieri sera mi ha detto di averlo sentito nominare perché lo ascoltava il padre di un suo compagno di classe, mentre al lavoro (dove mi sono presentato esibendo orgogliosamente la mia t-shirt di Red) un collega mi ha chiesto come fosse andato il concerto dei Pink Crimson (!).
Ma va be’, forse è meglio così. Questa è musica per iniziati.
avatar
Nigel

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 30.05.08
Età : 44
Località : Roma (originario di Parma)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: King Crimson - Teatro Verdi, Firenze, 8 novembre 2016

Messaggio  Nigel il Ven Nov 11, 2016 1:48 pm

Alcune foto del concerto (rigorosamente scattate dopo i bis, come da prescrizioni frippiane)





avatar
Nigel

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 30.05.08
Età : 44
Località : Roma (originario di Parma)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: King Crimson - Teatro Verdi, Firenze, 8 novembre 2016

Messaggio  Nigel il Ven Nov 11, 2016 1:51 pm

E questa invece è la foto scattata da Tony Levin e pubblicata sul suo sito web. Ci siamo anche io e mia moglie!  Very Happy  alien  cheers

avatar
Nigel

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 30.05.08
Età : 44
Località : Roma (originario di Parma)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

King Crimson - Teatro Verdi, Firenze, 8 novembre 2016

Messaggio  beppe il Dom Nov 13, 2016 2:20 am

Ero presente la stessa sera di Nigel, qualche fila più indietro.
Per me era la prima volta live con il Re Cremisi e tanta aspettativa non è stata assolutamente delusa.
Formidabili le tre batterie in particolare Harrison, una garanzia Levin, un talento Collins, una sorpresa Jakko, ma soprattutto immenso Fripp con attacchi precisissimi eppure spiazzanti.
A voler essere pignoli oltre a Fracture, è me è sembrata un pò sottotono Cirkus, peccato invece per la seconda parte di Lizard troppo accorciata, era veramente affascinate, in ogni caso un concerto meraviglioso, peccato per i pochi pirla che ogni tanto durante il concerto tiravano fuori lo smartphone messi all'indice prontamente da Fripp e security.
A leggere recensioni in giro sembrerebbe che la seconda serata a Firenze sia stata ancora migliore, ma come è possibile suonare ancor meglio?

beppe

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 31.07.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: King Crimson - Teatro Verdi, Firenze, 8 novembre 2016

Messaggio  mrsalzano il Lun Nov 14, 2016 1:27 am

Ottimi resoconti Nigel e Beppe! Exclamation
Io l'ho visti ieri a Roma, anche io dopo venti anni esatti. Ora non riesco ad elaborare le emozioni provate in una serata stupenda. Posto gli scroscianti applausi finali con l'immancabile selfie di Fripp. Il video è mosso perchè ho dovuto sgomitare un pò per avvicinarmi al palco.


avatar
mrsalzano

Messaggi : 138
Data d'iscrizione : 11.10.08
Età : 42
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente http://www.youtube.com/user/mrsalzano

Tornare in alto Andare in basso

Re: King Crimson - Teatro Verdi, Firenze, 8 novembre 2016

Messaggio  Nigel il Lun Nov 14, 2016 12:16 pm

Grazie per il video, Mrsalzano!
Per quanto riguarda i pirla con gli smartphone, stando davanti non me ne sono accorto, ma immaginavo che ce ne fossero.
Speriamo di non essere stati, come in passato, i più indisciplinati d'Europa (ma dovremmo aver fatto meglio almeno dei francesi, a giudicare dal resoconto fatto l'anno scorso da Eruditeyes). Sicuramente Fripp non sarà rimasto ben impressionato dal merchandising abusivo presente fuori dagli show, e infatti sul sito DGM campeggia un avviso in cui si invita a non comprare magliette contraffatte vendute ai concerti in Italia.
Questa frase di Tony Levin, comunque, lascia ben sperare: "It’s great to be back in Italy with King Crimson. The band has a long history of special shows here. We continue to appreciate that audiences are cooperating with our request to hold off on photos until the end of the music".

Mi chiedo cosa farà adesso la band, una volta concluso il tour europeo a dicembre.
Fripp ha parlato di "drive to 2018" per questi King Crimson, quindi dovremmo avere ancora (almeno) due anni di attività.
Ci saranno nuovi tour, con altri brani ripescati dal repertorio e nuovi inediti proposti dal vivo?
Ci sarà, alla fine del percorso, un nuovo album?
Oppure ci saranno altri King Crimson Projekcts?
In una mail che ho ricevuto dalla DGM prima dell'uscita di A Scarcity of Miracles, si parlava dell'album come del primo di una serie di King Crimson Projekcts. Non so che peso dare a questa frase, però chissà, in fondo un projekct sarebbe meno "impegnativo" per Fripp e soci, e forse permetterebbe di esplorare territori ancora più sperimentali di un vero e proprio album della band.
Quest'ultima ipotesi mi intriga molto, vediamo cos'ha in serbo per noi l'imperscrutabile Fripp!
avatar
Nigel

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 30.05.08
Età : 44
Località : Roma (originario di Parma)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: King Crimson - Teatro Verdi, Firenze, 8 novembre 2016

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum